Lacina

                          

Foto realizzata da Anastasia Donato

L’importanza che il SIC “Lacina” ha nel conteso regionale e nazionale è dovuto al fatto che è una delle poche zone umide montane meridionali, all’alta concentrazione di specie rare, relitte e a limite di distribuzione e alla elevata ricchezza di habitat che esso contiene. La Pianura della Lacina, avente codice sito IT 9340120, ha una superficie di 326 S(ha) ed occupa rispetto alla superficie totale del Parco il 1,75%. Essa comprende l’habitat 9220 Appennine Beech forests with Abies alba 9210 , Appennine Beech forests with Taxus and Ilex. La Lacina, fa parte del comprensorio montano delle Serre Calabre e si trova ad un’altitudine tra 970 - 1028 m. Dal punto di vista Idrologico nasce dal bacino del torrente Alaco. Ciò che la rende importante al livello comunitario è la presenza di fitocenosi igrofile rare, ricche di specie ad areale relitto, rare o endemiche. Al suo interno si trova l’unica popolazione calabrese di Menyanthes trifoliata che si trova al limite meridionale del suo areale. Per quanto riguarda la flora, in questa vasta pianura sono presenti più di 300 specie, di cui circa il 26 % è rappresentato da specie rare. Numerose specie sono di interesse fitogeografico. I principali habitat sono rappresentati dalle: faggete, alnete arbusteti xerofili. Più esternamente all’area troviamo anche delle Pinete ed incolti. Vivono inoltre popolazioni di alcune specie rare come Carex rostrata, Carex sp.pl.,. I progetti di recupero paesaggistico e ambientale hanno riguardato una serie di trapianti, la conservazione del germoplasma ex situ e piante in orto e giardino botanico con le principali essenze vegetali.

Amministrazione Trasparente
Vai all'inizio della pagina