Davoli


Chiesa Santa Barbara

Cenni Storici.

Detto anche Daule, Dauli, scritto talvolta Davole, Davoli fu in origine casale di Satriano. In un primo tempo pare che fosse chiamato Daulis, derivando il nome dalla città di Daulia nella Focide, donde sarebbero venuti i fondatori. Presenti anche tracce del passaggio dei Monaci basiliani, provenienti dall’Asia Minore, che fondarono alcuni eremi nel corso del IX secolo. Quale casale di Satriano ne seguì le vicende, sottostando dapprima ai signori di Squillace, e poi quando Satriano fu autonomo, ai Ravaschieri che lo tennero dal 1609 al 1806, data di eversione della feudalità. Fu il XVI sec. il momento in cui il territorio fu meta di molti dotti e clero, i quali, con i diritti e i privilegi della loro condizione arricchirono Davoli di palazzi maestosi e la Marina di sontuose dimore di villeggiatura, punto di incontro per i giovani dell’epoca che frequentavano scuole di medicina e di fisica. Il paese fu duramente colpito dal terremoto del 1783 e poi ulteriormente danneggiato da quello del 1905. L’ordinamento amministrativo disposto per la Calabria dal Generale Championnet nel 1799 lo comprendeva nel Dipartimento della Sagra, Cantone Satriano. I francesi, per la legge 19/0/1807 ne facevano un Luogo, cioè Università, nel cosiddetto Governo di Satriano. Col riassetto, disposto per decreto 4/05/1811, istitutivo dei Circondari e dei Comuni, diveniva capoluogo di un Circondario comprendente i Comuni di Satriano, S. Sosti e Sant’Andrea. Tale condizione veniva mantenuta nel riassetto regionale dato dai Borboni per legge 0l/05/1816 che istitutiva le due nuove province di Catanzaro, in sostituzione di Monteleone, e di Reggio. Paese ad economia agricola, Davoli è favorito dall'abbondanza delle acque che rendono particolarmente fertile il territorio. La festa padronale è quella di San Vittore che si festeggia il 21 Luglio, mentre altre attività importanti sono il Mercatino dell'Antiquariato (da Giugno a Settembre ogni 3ª domenica del mese).

Festa Patronale: San Vittore che si festeggia il 21 Luglio

Altre Festività: Mercatino dell'Antiquariato (da Giugno a Settembre ogni 3ª domenica del mese); "A Ruga E Davoli" (7, 8, 9 Agosto)

Da Visitare: Chiese

Chiesa Santa Barbara. XIII sec. La parrocchia S. Barbara pare essere stata eretta nella seconda metà del 1300. Gli Statuti e le regole per la chiesa matrice collegiale di S. Barbara V. M. vennero approvati dal Re Ferdinando IV nel 1798. L'attuale chiesa riparata nel 1913 venne consacrata da Mons. Eugenio Tosi il 20 luglio 1913, ad essa vennero accorpate, presumibilmente agli inizi del '900, le chiese di S. Pietro e S. Caterina. https://goo.gl/maps/nDqhUjwhZcP2

Chiesa di San Pietro. XVII sec. La chiesa di San Pietro è stata costruita intorno al 1500-1600. Vi si accede da due scalinate laterali che portano davanti al portale, la cui parte superiore è sormontato dal timpano dove sono scolpiti tre volti di angeli. Accanto vi è il campanile, al quale si accede da una scaletta, situata sul lato sinistro entrando in chiesa. In essa si trovano tre campane,  datate 1759. Sulle pareti della scalinate e nella facciata sulla parte più alta ci sono due stemmi in granito rappresentanti le chiavi di S. Pietro, simbolo della chiesa. All’interno c’è un' unica navata che termina con l’ altare maggiore in marmo colorato, sormontato da un tabernacolo su cui poggia un Crocifisso in legno con a lato due angioletti. Entrando sul lato sinistro c’è la fonte battesimale in granito formato da una colonnina e da una parte concava, ai due lati ci sono due botole con rispettivo coperchio che ricordano la chiesa bizantina. Di seguito c’è l’altare del Purgatorio sormontato da una tela dove in basso si legge una scritta e un altro altare sovrastato da una nicchia con una bella statua in marmo della Madonna Immacolata. Si racconta che questa statua sia stata trovata bagnata di lacrime quando ci fu l’alluvione del 21 novembre 1874 e che un pezzo di marmo, tolto dal mantello, sia stato mandato a Roma per farlo esaminare. Risultò che le lacrime fossero di natura umana. Ai lati della chiesa ci sono altri diversi altari. Davanti all’altare maggiore c’è la statua della “Naca”. La data di costruzione dell’edificio non si sa di preciso, ma si pensa che sia uno dei più antichi. L’insediamento della Misericordia era formata da una torre in muratura di pietrame dalle dimensioni dell’attuale campanile.

https://goo.gl/maps/SE6ZBe8bVvn

Chiesa di San Francesco. https://goo.gl/maps/ZqT1p6bG6Np

Santuario della Misericordia o Maria SS Immacolata. Dedicato al culto della Madonna della Misericordia. Dopo il terremoto del 1783 subì gravi danni. La chiesa è stata costruita con materiali semplici con copertura il legno di castagno e tegole caratteristiche e particolari in pietre granitiche lavorate. https://goo.gl/maps/sTXcBk1UsBG2

Chiesa Santa Caterina. https://goo.gl/maps/iBAbpdq19z32

Chiesa di San Nicola. https://goo.gl/maps/QPMXvUChzNs

Castello Felluso. XVIII sec. Appartenuto alla famiglia Filangieri - Fieschi. I primi di origine napoletana mentre i Fieschi genovese. Il castello fu edificato da Filippo Filangieri nel 1750. Costruito in cima ad una collina, rigogliosa per la vegetazione di ulivi con una visuale aperta a 360 gradi che offre una delle vedute più ampie, su questa parte della Calabria, dal mare ai monti, da sud a nord. Nella sua struttura architettonica, il castello è una costruzione rettangolare con cortile interno, che si sviluppa su un piano terra e un primo piano. Sui quattro angoli si innalzano quattro torri quadrangolari, su ciascuna delle quali si aprono 3 feritoie di avvistamento e di difesa. Nel 1571 il suo castellano era il caporale Jacopo Antonio Magalli, cui succedette il caporale Vincenzo Romeo. E’ questo il periodo in cui il territorio fu meta di molti dotti e clero, iquali, con i diritti i privilegi della lor ocondizione arricchirono Davoli di palazzimaestosi e la Marina di sontuose dimoredi villeggiatura, punto di incontro per igiovani dell’epoca che frequentavanoscuole di medicina e di fisica.  https://goo.gl/maps/15LjAEk6nTn

 

 

 

 

Follow us on...

Realtime website traffic tracker, online visitor stats and hit counter
Amministrazione Trasparente
Go to top